Italian Albanian Arabic Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French Galician Georgian German Greek Hebrew Hungarian Indonesian Irish Japanese Lithuanian Macedonian Malay Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Urdu Vietnamese Welsh Yiddish

Stampaggio

Lavorazione meccanica per deformazione plastica mediante pressione statica o azioni dinamiche (a caldo o a freddo) esercitate sul materiale da presse o magli, al fine di costringerlo a riempire la cavità compresa fra due matrici metalliche. Nel caso di materiali metallici lo stampaggio vero e proprio si esegue mediante stampi costituiti da due matrici (stampo e controstampo), generalm. di acciaio al nichel, montati il primo sul piano superiore di una pressa o sulla mazza battente di un maglio, il secondo sulla parte inferiore della pressa o sull’incudine del maglio. La formatura a stampaggio del vetro si attua a bocca, soffiando l’oggetto entro uno stampo, o meccanicamente, versando negli stampi una determinata quantità di vetro fluido che viene fatta aderire alle pareti mediante un getto di aria compressa; nello stampaggio per pressatura il vetro, a un sufficiente stadio di plasticità, viene immesso in uno stampo metallico caldo, nel quale viene poi immerso un controstampo che, premendolo, costringe il vetro a occupare lo spazio tra stampo e controstampo, prendendo la forma voluta; nello stampaggio per centrifugazione, invece, il vetro fuso viene versato in uno stampo che ruota su sé stesso a forte velocità. Lo stampaggio delle materie plastiche viene attuato in genere per mezzo di presse idrauliche: partendo da un materiale polverulento (costituito dal plastomero vero e proprio, cui sono state aggiunte le cariche opportune, aventi lo scopo di conferire al prodotto determinate proprietà); tale materiale, reso plastico per riscaldamento, quando già non lo sia, viene introdotto in uno stampo, costretto per compressione a riempirne le cavità, e in esso fatto solidificare. Vengono usati anche sistemi di formatura per colata, nei quali il materiale fluido viene versato in stampi aperti, di stampaggio a freddo (assimilabile a una coniatura), e di stampaggio in stampi rotanti per la formatura di oggetti cavi.

Lo stampaggio è un nome collettivo per vari processi di produzione industriale eterogenei che hanno in comune il fatto di usare come utensile una forma permanente detta stampo. trasformazione plastica di pezzi metallici, lavorati tramite pressione applicata dagli utensili di una pressa ecc.: trasformazione di pezzi a sezione varia: forgiatura a stampo; trasformazione di pezzi a sezione bassa: stampaggio vero e proprio, di lamiere ecc. (vedi sotto); formatura di materiale metallico o materia plastica liquidi con riempimento dell'utensile aiutato da forze varie: formatura di pezzi tubolari con riempimento dello stampo aiutato da forza centrifuga: stampaggio rotazionale; formatura di particolari a geometria complessa con riempimento dello stampo aiutato da una forza di iniezione: stampaggio ad iniezione.

Stampaggio di lamiere

Trasformazione plastica di lamiere, in origine mediante un utensile composto da punzone e matrice, oggi anche mediante idroformatura.

VAS SRL Arcugnano Vicenza Veneto Italia | Lavorazione piegatura stampaggio filo metallico nastro tondino piattina ferro metallo piegafilo