Italian Albanian Arabic Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French Galician Georgian German Greek Hebrew Hungarian Indonesian Irish Japanese Lithuanian Macedonian Malay Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Urdu Vietnamese Welsh Yiddish

Taglio dei metalli

Il taglio a getto d'acqua è una tecnologia di taglio che utilizza un getto d'acqua ad altissima pressione (fino a 7.000 bar) per tagliare numerose tipologie di materiali. Il taglio waterjet abrasivo e ad acqua pura sta guadagnando la popolarità come utensile per tagliare una ampia varietà di materiali. Facilità di programmazione, costi contenuti di taglio e la possibilità di tagliare pressoché tutti i materiali da pochi decimi di millimetro fino a spessori di 250 mm con precisione del decimo di millimetro ne ha fatto una macchina essenziale per numerose tipologie di aziende per diverse applicazioni.Il taglio a getto d'acqua trova applicazione anche nel campo alimentare, naturalmente senza l'utilizzo di abrasivo, tagliano quindi con l'utilizzo di sola acqua. La tecnologia a idrogetto è in grado di tagliare qualsiasi tipo di materiale, con spessori fino a circa 150 mm (15 cm), con un'elevata precisione di taglio (dell'ordine di 1/10 di mm per spessori fino a 40-50 mm). Il taglio ad acqua non provoca alcuna alterazione fisica o deformazione meccanica del pezzo e consente di tagliare materiali di spessore non uniforme e materiali compositi o stratificati. La larghezza del solco di taglio è molto contenuta permettendo di ottenere la minima quantità di materiale asportato. L'idrogetto consente il taglio di materiali preverniciati e/o rivestiti con pellicola di protezione inoltre le superfici originate dal taglio presentano poche sbavature.

Il taglio al plasma è un procedimento utilizzato per tagliare l'acciaio ed altri metalli (e talvolta altri materiali) utilizzando una torcia al plasma. Il plasma è un mezzo efficace di taglio sia per lamiere sottili che spesse. Le torce manuali possono tagliare solitamente una piastra d'acciaio al carbonio spessa fino a 50 millimetri e le torce più potenti montate su macchine utensili possono perforare e tagliare strati d'acciaio fino a 130 millimetri di acciaio inox, usando una miscela di Argon e Idrogeno. Per l'acciaio al carbonio lo spessore massimo raggiungibile comunemente è inferiore ai 35 mm (quindi inferiore agli spessori raggiungibili a mano) poiché lo 'sfondamento' della lamiera in automatico è molto delicato. In effetti anche i 130 mm sull'inox si raggiungono partendo da bordo lamiera o con un preforo e grazie all'uso di un gas dall'alto potere calorifico. Le macchine da taglio al plasma producono un 'cilindro' caldissimo e perfettamente direzionabile sulla linea di taglio, perciò sono praticamente insostituibili per il taglio di fogli metallici curvati o superfici variamente angolate. Le torce del plasma hanno prezzi assai elevati, per cui sono riservate a un utilizzo prevalentemente professionale, anche se i prezzi in continuo calo cominciano ad arrivare alla portata di molti hobbisti. Come accade per altre apparecchiature, al calo dei prezzi si accompagna una continua riduzione degli ingombri e dei pesi (portabilità) e il contemporaneo mantenimento e persino incremento delle capacità funzionali.

Il taglio al laser In ambito industriale il laser viene utilizzato per tagliare o saldare lamiere in metallo anche di elevati spessori. L'utilizzo del laser nel taglio di diversi materiali è una tecnologia che negli ultimi venti anni è andata sempre più diffondendosi. I vantaggi del taglio laser sono infatti diversi. Il laser innanzitutto non lascia bordi irregolari, o almeno rispetto ad altri tipi di utensili di taglio, quello dl laser è un taglio molto netto. Inoltre un taglio effettuato con il laser produce un volume di polveri, trucioli e materiali di scarto in pratica nullo. Cosa che rende la pulizia del locale molto più veloce e semplice. Un'altra caratteristica delle macchine taglio laser rispetto a quelle a taglio meccanico è che hanno un numero minore di parti mobili. Questa caratteristica che di per sé può sembrare irrilevante diventa invece interessante quando si pensa che poche parti mobili significano usura minore e quindi minore necessità di sostituire i pezzi. La manutenzione di una macchina per il taglio laser è quindi generalmente meno dispendiosa di quella di una macchina meccanica. Altra caratteristica di rilievo è la velocità a cui può procedere una macchina per il taglio laser. Specie nei tagli di lamiere e lastre di metallo e di notevoli spessori (si pensi ad una lastra di acciaio) il laser è in grado di raggiungere velocità davvero notevoli, difficilmente ottenibili con una macchina di taglio meccanica. La possibilità di utilizzare il laser per tagliare deriva dalla proprietà del laser stesso di concentrare una grande quantità di luce su una superficie molto piccola. Il taglio col laser avviene attraverso tre principi: combustione, vaporizzazione e fusione. Per quanto riguarda i metalli il principio al lavoro durante l’operazione di taglio è la fusione. Nel taglio laser di un metallo succede infatti che il materiale si fonde grazie alla elevata concentrazione di luce che lo colpisce. Il materiale fuso viene poi man mano allontanato da un getto di gas. La parte di scarto viene poi convogliata, raccolta ed eliminata da appositi dispositivi, in modo che l’operazione non lasci residui di lavorazione nell’ambiente.

VAS SRL Arcugnano Vicenza Veneto Italia | Lavorazione piegatura stampaggio filo metallico nastro tondino piattina ferro metallo piegafilo